ROSSO

Papaveri di Fulvio Pellegrini

Il rosso sa di luce, di vita, di spremuta appena fatta; ricorda i petali dei papaveri attraversati dai raggi del sole o anche l’ora più bella, verso sera, sia in città che sulla spiaggia, quando l’aria è dorata e il tempo rallenta.

Fra le tante tonalità di questo colore profondo e intenso, c’è il rosso molto caldo delle illustrazioni di Lorenzo Mattotti. Ad esempio nella serie Stanze. Coppie che si sfiorano e si abbracciano e il rosso come superficie fluida, onda vitale  di scambio e  unione.

Il rosso può avere significati diversi, a volte opposti. È simbolo di ribellione, lotta, passione: memorabile la sequenza della Corazzata Potemkin con la bandiera rossa dipinta a mano sulla pellicola in bianco e nero.

Frame dal film “La corazzata Potemkin” di Eisenstein.

È anche il colore del lusso (rosso valentino, rosso ferrari) e del potere (rosso cardinalizio),  forse perché già li evocava nel passato, fin dal medioevo e dal rinascimento.

E sul filo delle libere associazioni, il rosso allude a mondi lontani. L’oriente, i tatuaggi dipinti con l’hennè, i tessuti dai toni speziati, la luce del deserto…

© Steve Mc Curry, Dust storm.

Ma il rosso può anche tingere di poesia  una delicata favola urbana come Le ballon rouge di Albert Lamorisse, piccolo film che racconta l’amicizia fra un bambino e un palloncino  per le strade di Parigi, Palma d’Oro al Festival di Cannes del 1956. Se avete una mezz’oretta da dedicarvi, ecco la versione integrale in lingua originale.  Magari da gustare prima di cena, insieme a un pomodoro condito o un bloody mary :)

 

Share Button

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>